Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Immatricolazioni di veicoli provenienti dal Mercato parallelo

Dal 3 dicembre 2007 sono operative le disposizioni contenute nei provvedimenti emanati lo scorso 25 ottobre dal Direttore dell'Agenzia delle Entrate riguardanti l'introduzione di un nuovo modello "F24 Auto UE" per le cessioni di auto provenienti dal "mercato parallelo", e l'individuazione dei relativi criteri di esclusione dal nuovo adempimento.

 

Le nuove disposizioni prevedono l'obbligo di effettuare il versamento dell'IVA tramite un nuovo modello F24, dove è inserito un apposito spazio per il numero di telaio.

Le nuove norme si adeguano alla vigente disciplina delle immatricolazioni di veicoli di provenienza intracomunitaria, in cui era previsto, come condizione necessaria all'immatricolazione, l'obbligo di dichiarare per via telematica l'acquisto intracomunitario.

Gli Uffici provinciali del Dipartimento dei Trasporti terrestri potranno procedere all'immatricolazione dei soli veicoli per i quali risultino acquisiti i dati dei versamenti "validati" dall'Agenzia delle Entrate.

L'immatricolazione è condizionata alla verifica, da parte dell'Ufficio del Dipartimento dei Trasporti terrestri, dell'avvenuto pagamento dell'imposta dovuta in relazione a ciascun veicolo, individuato attraverso il numero di telaio.

I versamenti con il nuovo modello sono effettuati, ad esclusione dei casi indicati nella Circolare n. 30 del 29 settembre 2006, con modalità telematica, e possono essere effettuati tramite i servizi online dell'Agenzia delle entrate, o attraverso i servizi di home-banking del sistema bancario e postale e di remote banking del sistema bancario.

 

pdf
Per leggere la circolare n.64 dell’Agenzia delle Entrate

Scarica il PDF

 

pdf
Per consultare invece quella del Ministero dei Trasporti

Scarica il PDF