Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Pignoramento veicolo non impossibile

Dal dicembre 2014 il pignoramento di un veicolo del debitore da parte del suo creditore non è più una "storia inutile e impossibile".  Le procedure sono più efficaci e veloci.

Se si ottiene il pignoramento, lo si trascrive al PRA e il debitore viene obbligato alla consegna del proprio veicolo all'Istituto di Vendite Giudiziarie I.V.G. 

Ma che cosa succede se il debitore non ottempera all’obbligo prescrittogli dalla legge, non consegnando il veicolo all’I.V.G. entro 10 giorni dalla notifica dell'atto?

La polizia, qualora dovesse accertare la circolazione su strada del mezzo in questione procede con:

– il ritiro della carta di circolazione.

– la consegna il bene pignorato all’I.V.G.

L’Istituto di Vendite Gudiziarie assume quindi la custodia del bene pignorato e ne dà immediata comunicazione al creditore.

Il giudice inoltre può:

- comminare al debitore, proprietario dell’auto, una pena pecuniaria da un minimo di euro 250,00.

- affidare all’I.V.G. l’incarico di stimare i beni pignorati, riservandosi in merito alla fissazione dell'udienza per la successiva vendita.

Resta ferma l’eventuale responsabilità penale a carico del debitore che non abbia consegnato all’I.V.G. i beni pignorati.
Egli inoltre potrebbe essere chiamato a rispondere del risarcimento per i danni provocati al veicolo.