Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Nuovi prezzi targhe dall'8 gennaio 2016

Dal giorno 8 gennaio 2016 scatterà l'aumento dell'importo per l'acquisto delle targhe per i veicoli a motore e per i rimorchi.

Lo stabilisce il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti MIT, con decreto del 6 novembre (GU n. 299 del 24-12-2015), che chiarisce che il prezzo di vendita deve essere comprensivo del costo di produzione e di una quota di maggiorazione. Quest'ultima, proprio come per i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie, è destinata per l'80% a studi, ricerche e propaganda ai fini della sicurezza stradale, per la redazione dei piani urbani di traffico e per l'educazione stradale; per il 20% è invece destinata per studi e ricerche sulla sicurezza dei veicoli (D.L. 30-04-1992, n.285, art. 208, comma 2).

Per gli autoveicoli, l'importo della targa anteriore e targa posteriore di tipo A, passerà dagli attuali euro 40,60 ad euro 41,78, quindi un aumento di euro 1,18.
Per i motoveicoli, l'importo passerà dagli attuali euro 21,63 ad euro 22,26, con un aumento di euro 0,63.
Per i rimorchi, l'importo passerà dagli attuali euro 24,04 ad euro 24,74, con un aumento di euro 0,70..
Per i ciclomotori, invece, l'importo passerà dagli attuali euro 13.20 ad euro 13.58, con un aumento di euro 0,38.
Tale aumento riguarderà sia le targhe delle nuove immatricolazioni di veicoli, che quelle riguardanti le reimmatricolazioni.

Per chi desidera leggerlo per esteso, il decreto pubblicato sulla G.U.  si trova al seguente LINK.