Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Radiazioni d'ufficio: le novità nel decreto Madia

2.03.2017 - Il potere di procedere alla radiazione al Pra delle auto dei morosi della tassa di proprietà è stata tolta all’Aci e attribuita alle Regioni, attuali titolari della gestione della tassa. 

Questa  è la novità contenuta nel decreto di attuazione del Decreto Madia, sulla riforma del Pubblico Registro Automobilistico. Per i veicoli sui quali la tassa di proprietà non risulta pagata per almeno tre anni consecutivi, la Regione potrà avviare il procedimento di radiazione dal Pra. In tali casi, il veicolo viene definitivamente cancellato dal Pra e non può più circolare, perché è come se non esistesse più. Il proprietario rischierebbe sanzioni molto serie, ben superiori al sequestro dell’auto: una multa da 419 a 1.682 euro e la definitiva confisca del veicolo, che non potrà più ritornare nella disponibilità del proprietario.  La norma è chiarificatrice, perchè non era chiaro chi dovesse essere l'autorità competente ad eseguire tale misura.

Su questo tema avevamo già scritto un precedente articolo.